SEGRETARIATO
                 ATTIVITA'
           ECUMENICHE

saenazionale@gmail.com

                        
ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO                  

 

 

 


06 aprile 2017

Sulla scia delle nuove notizie relative a un terribile attacco con le armi chimiche nella Idlib Governance  della Siria, Olav Fykse Tveit, segretario generale del Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC), ha invitato a un cambiamento culturale nella regione e ha espresso profondo cordoglio alle famiglie delle vittime.

Molteplici fonti confermano che più di 70 persone sono morte, compresi 20 bambini, nel villaggio di Khan Sheikhoun.

 “Questo attacco e molte altre incursioni aeree hanno preso di mira le popolazioni civili, tra cui donne e bambini”, ha detto Tveit. “Il Consiglio ecumenico delle Chiese ritiene che questi attacchi, così come tanti altri crimini di guerra, crimini contro l'umanità e atrocità insopportabili, siano purtroppo ancora in corso contro una popolazione civile innocente, perché la cultura dell'impunità è mantenuta in Siria e in tutta la regione “.

Tveit ha esortato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a porre fine a questa impunità indagando su questi crimini e instituendo meccanismi di responsabilità che porteranno tutti i responsabili a processo.

“Il CEC esprime la sua profonda solidarietà alle famiglie delle vittime, e prega che Dio conceda loro conforto e curi le ferite”, ha concluso Tveit. “Preghiamo anche il Dio della giustizia e della pace perché accompagni il popolo siriano in questi momenti critici e dolorosi”.

Solidarietà con le Chiese nel Medio Oriente

Dichiarazione del segretario generale del CEC

 

immagine: tramonto in Siria  - elisa/flickr