SEGRETARIATO
                 ATTIVITA'
           ECUMENICHE

saenazionale@gmail.com

                        
ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO                  

1. SessioneC 3. large Assemblea_Sessione2018 Chiusura_Sessione2018 FrancescoalCEC1 Logo_Sessione2018

 

 


Dai Gruppi Locali

Ferrara

Nella pagina del gruppo locale trovate informazioni e materiale relativi al XXIII convegno di teologia della pace che il gruppo ha indetto insieme con Pax Christi, Azione Cattolica, Rinascita cristiana per martedì 25 settembre.

Verona

Nella pagina del gruppo locale trovate notizia delle loro prime tre iniziative di questo anno sociale: tre incontri per riflettere sulla presenza delle donne nella Chiesa.

Venezia

Anche quest'anno, in occasione della Mostra d'Arte Cinematografica, il gruppo locale, in collaborazione con altre associazioni, organizza la visione di un film rilevante per i contenuti, seguito da un dibattito tra pubblico ed esperti. Quest'anno è la volta dell'ultimo film di Aki Kaurismäki L’altro volto della speranza. Maggiori informazioni nella pagina del gruppo.

Napoli

Il gruppo locale ha organizzato tre incontri per l'inizio del prossimo anno sociale. Trovate l'elenco sul sito del gruppo.

Torino

Nella pagina del gruppo trovate notizie e diverso materiale relativo all'Ospitalità Eucaristica e ad un incontro dibattito sul tema che ha promosso il locale gruppo Strumenti di Pace e che si terrà durante la prossima Sessione di Assisi.

Avellino Salerno

Il neocostituito gruppo di Avellino Salerno ha aperto la sua pagina. Ci trovate una storia del gruppo e della sua adesione al SAE e un resoconto dell'assemblea di fine anno che è stato pubblicato anche su Riforma nel numero del 15 giugno.

 

In Primo Piano

Laura Cafffagnini ha intervistato, a margine della sessione, Leonid Mihailovich Sevastianov. Il testo è stato pubblicato su Il Regno Attualità 16/2018 col titolo

Italia - SAE: voce e mano di Dio.

Pubblichiamo l'articolo per cortese concessione della rivista e dell'autrice.

Leggi l'articolo

Il Consiglio Permanente della CEI, riunitosi il 24-26 Settembre 2018, ha nominato come nuovo Direttore dell’Ufficio Nazionale per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso della Conferenza Episcopale Italiana (UNEDI) don Giuliano Savina.

Don Savina, milanese, 55 anni, prete dal 1987, responsabile della Comunità pastorale San Giovanni Paolo II, in zona Greco a Milano. In questa veste è stato tra i promotori della trasformazione dell’ex cinema parrocchiale in quello che è diventato il Refettorio Ambrosiano, la mensa solidale inaugurata in occasione di Expo 2015, che costituisce uno dei simboli dell’impegno della Chiesa ambrosiana sul fronte della condivisione alimentare e della lotta allo spreco.

Il suo percorso di studi comprende un dottorato presso l’Istituto di Studi Ecumenici "S. Bernardino a Venezia in Dogmatica Ecumenica. Ha preparato la dissertazione di Licenza sulla “metodologia” ecumenica del SAE. Ha partecipato ad alcune Sessioni e fa parte degli esperti interpellati dal SAE per la loro costruzione.

Per molti del SAE è un caro amico. A don Giuliano,  tutta l’Associazione esprime i migliori e più sentiti auguri per un fruttuoso cammino nel nuovo importante compito.

Con gli auguri a don Giuliano Savina, il SAE desidera anche esprimere la più viva riconoscenza a don Cristiano Bettega, Direttore dell’Ufficio Nazionale per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso nel precedente mandato. Don Cristiano ora rientrerà nella sua diocesi di Trento. Gli anni del suo mandato sono stati cinque anni intensi per la crescita del dialogo tra le chiese cristiane in Italia. Naturalmente il cammino condiviso in questi anni non si interrompe, ora la collaborazione con lui continuerà in forme diverse sostenuta dall’amicizia e dalla fraternità condivisa.

Foto: don Giuliano Savina (fonte www.famigliacristiana.it)

Pubblichiamo il messaggio letto da Paola Mannetti del gruppo romano del SAE, in occasione della messa di commiato, che si è tenuta a Roma preso la parrocchia Mater Dei, venerdì 21 settembre 2018.

        Leggi il messaggio

Don Giuseppe Sorani       

1978 - Don Giuseppe Sorani durante la
Sessione estiva del SAE - La Mendola (Bolzano)

Don Giuseppe è nato a Roma, il 29 dicembre 1929 da una famiglia ebrea. Tale origine ha caratterizzato la sua vita, compresa la pagina dolorosa della guerra e della shoah, che gli lacerò il cuore e la famiglia.
Quando aveva 14 anni, per sfuggire ai rastrellamenti nazisti e fascisti, fu accolto e salvato assieme al fratello Giovanni nella casa orionina di Via Induno a Trastevere.
Nel 1945, dopo un periodo di riflessione e ricerca interiore chiese di ricevere il Battesimo e poi si avviò alla consacrazione come religioso e sacerdote orionino. Amava ripetere: "Ho passato i mio primo ventennio di vita come ebreo, il secondo come cristiano, il terzo - dopo il Concilio Vaticano II - come ebreo cristiano".
Don Giuseppe Sorani è stato un uomo e sacerdote di grande valore intellettuale, morale e religioso. Aveva seguito gli studi in Filosofia alla Pontificia Università Gregoriana di Roma, Laureato in Legge nel 1967 alla Sapienza e in Teologia Morale all’Alfonsianum.
È stato uno dei protagonisti del dialogo ebraico-cristiano e dell'ecumenismo post-conciliare. Per molti anni ha offerto il suo contributo nel Segretariato Attività Ecumeniche ed in particolare nel gruppo romano del SAE, è stato animatore dell'Amicizia ebraico-cristiana, membro della Commissione diocesana di Roma per l'ecumenismo e il dialogo.


Il 19 settembre si è tenuto a Bologna l'incontro di studio in onore dei novant'anni di Carlo Molari

Un orizzonte teologico in evoluzione

con interventi di Fulvio Ferrario, Vito Mancuso e Carlo Molari, moderato da Paola Cavallari.

Pubblichiamo il testo dell'intervento di Vito Mancuso gentilmente fornitoci dal relatore, alcune foto dell'incontro e il link alla registrazione audio pubblicata da Alzo gli occhi verso il cielo.

Vai al testo dell'intervento
Vai alla registrazione audio

 

                                                                                                                                                                    foto Chiara Sibona

Una nuova pagina del Sito dedicata alla Vita dell’Associazione!
Vai alla nuova pagina

L'Osservatore Romano ha dedicato alla nostra Sessione un'intera pagina doppia nel numero del 30 luglio. Leggi l'articolo.

La Radio Svizzera RSI ha dedicato alla sessione la puntata di "Chiese in diretta" del 19 agosto (25 minuti). Ascoltala.

Al termine della 55° sessione di formazione ecumenica Laura Caffagnini ha intervistato don Cristiano Bettega direttore dell'Ufficio Nazionale per l'Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso della Conferenza Episcopale Italiana.

Vai all'intervista

Si è conclusa la 55° sessione Ecumenica che si è tenuta dal 29 luglio al 4 agosto 2018 alla Domus Pacis - Santa Maria degli Angeli - Assisi sul tema

«So essere nell'indigenza, so essere nell'abbondanza» (Fil 4,12).
Le Chiese di fronte alla ricchezza, alla povertà e ai beni della terra.

Questo il comunicato stampa conclusivo.

I partecipanti alla 55° Sessione di formazione Ecumenica del SAE hanno fatto proprie due mozioni presentate durante l’Assemblea dei partecipanti, che si è tenuta venerdì 3 agosto.

 Leggi i testi delle mozioni.

 

 

«Questo è un viaggio verso l’unità». Così papa Francesco mentre partiva ha definito il pellegrinaggio ecumenico del 21 giugno, recandosi in visita al Consiglio ecumenico delle Chiese a Ginevra su invito del segretario generale del CEC Olav Fykse Tveit e della moderatrice del Comitato centrale Agnes Abuom, in occasione del 70° anniversario della sua fondazione, avvenuta ad Amsterdam il 23 agosto 1948.

Un’unione fraterna

Il CEC, come noto, si definisce un’unione fraterna (fellowship) di Chiese ed è costituito oggi da 348 membri di tradizione prevalentemente protestante, anglicana e ortodossa, per un totale di circa 560 milioni di fedeli. La Chiesa cattolica partecipa come osservatrice, mentre è membro a pieno titolo della . . .

 articolo di Daniela Sala

leggi tutto

Pubblichiamo l’intervento del past. Heiner Bludau decano della Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), effettuato nell’ambito del ciclo di incontri su

LE METAMORFOSI DELL’ANTISEMITISMO

organizzato da Fondazione Ambrosianeum e SAE in collaborazione con CDEC, Istituto Superiore Scienze Religiose, Servizio per l’Ecumenismo e il Dialogo della Diocesi di Milano”. Il ciclo di incontri è stato coordinato da Piero Stefani, Presidente del SAE.

Il tema dell’incontro, tenuto il 23 maggio 2018, era 

Le chiese europee di fronte al diffondersi di un nuovo antisemitismo

(L’intervento è  stato pubblicato su « Il Regno-attualità», Studio del mese, Chiese europee "L'antisemitismo di ritorno", 12,2018, pp. 371-379)

Vai al testo dell'intervento

La lettera di Piero Stefani che pubblichamo nella pagina della presidenza è incentrata sul recente convegno di primavera tenutosi a Sassone e sull'assemblea statutaria che ha modificato lo statuto della nostra associazione.

Pubblichiamo nella sezione Gruppo Teologico il documento sull'autorità nelle Chiese elaborato in chiave ecumenica redatto nella sua forma definitiva nell'ultima riunione del gruppo teologico  SAE ( Roma il 18 e 19 aprile) e letto e approvato in seguito anche dai membri impossibilitati a intervenire a quella riunione. Si invitano i gruppi locali a  tenerne conto in vista  della programmazione del prossimo anno.

Vai al documento

Il gruppo locale di Napoli ha organizzato  il 15 marzo un convegno su

Testamento biologico e tematiche di fine vita:
aspetti etici, psicologici e spirituali.

Gli interventi tenuti al Convegno sono disponibili sul sito del gruppo (www.saenapoli.gruppisae.it).

 

Si è tenuta il 2 maggio a Bologna la terza tavola rotonda interreligiosa sul tema Violenza sulle donne e religioni organizzata dal gruppo SAE di Bologna insieme con la Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXXIII e l'Osservatorio interreligioso contro la violenza sulle donne. Sono disponibili in rete una  Cronaca dell'evento di Paola Cavallari, alcune foto di Chiara Sibona e la registrazione audio dell'incontro.

Durante la nostra sessione di formazione ecumenica, tenutasi ad Assisi nel luglio 2017, il gruppo di studio Liturgia tra tradizioni e riforme ha elaborato un Vademecum per le celebrazioni ecumeniche e, come attualizzazione, ha provato a immaginare una Celebrazione ecumenica per il Tempo del Creato, traendone un sussidio.
Il SAE presenta e offre a tutte le realtà ecumeniche questi due testi, perché il Vademecum possa essere utilizzato nella preparazione delle future celebrazioni ecumeniche, e il Sussidio sia di stimolo a celebrare ecumenicamente il Tempo del Creato.

              Leggi e scarica il Vademecum                     Leggi e scarica il Sussidio

Pubblichiamo il saluto del nostro presidente Piero Stefani al convegno nazionale "Nel nome di colui che ci riconcilia tutti nel suo corpo"» (Domus Pacis, Santa Maria degli Angeli, Assisi . 20-22 novembre)

Leggi il testo