SEGRETARIATO
                 ATTIVITA'
           ECUMENICHE

saenazionale@gmail.com

                        
ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICHE E LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO                  

 

 

 


Da sinistra: Michel Sidibé, Mélisande Schifter, Vicken Aykazian, Duleep de Chickera and Wedad Abbas Tawfik

Una sessione plenaria della 10ª Assemblea del Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC) ha approfondito la questione di come, in un mondo pieno di violenza, conflitti e discriminazioni, il "Dio della vita" può condurre le persone, le comunità e le chiese verso la "giustizia e di pace ". La sessione è iniziata con i saluti di Chung Hong Won, primo ministro della Repubblica di Corea, che ha sottolineato l'importanza della pace per i coreani, ha proseguito con riflessioni teologiche, presentazioni del problema dell’AIDS ed è terminata con una relazione sulla situazione delle chiese in Egitto.

La sessione si è svolta la mattina del 31 ottobre, incentrata sul tema "Dio della vita, guidaci alla giustizia e alla pace" , esplorato da diverse prospettive globali. Michel Sidibé, direttore esecutivo di UNAIDS, il Programma Congiunto delle Nazioni Unite sull’AIDS, ha incoraggiato le Chiese a "proteggere i più vulnerabili". Mentre si parla di minoranze sessuali, prostitute e altre comunità vulnerabili con la grave minaccia della pandemia da AIDS, ha evidenziato la necessità di sfidare i tabù che possono essere di ostacolo per l'accesso alla prevenzione dell'AIDS e di servizi di assistenza sanitaria. Sidibé ha detto che le persone AIDS positive in molte società non sanno dove andare, così arrivano alle chiese a chiedere compassione e sostegno.

Duleep de Chicchera  vescovo anglicano di Colombo, Sri Lanka , ha parlato del concetto di "teologia della vittima". Nella sua riflessione, utilizzando il contesto del suo paese, ha detto che il tema del CEC è "la madre di tutte le petizioni", in quanto la comunione mondiale delle chiese deve essere sensibile alla situazione delle vittime emarginate. Ha chiamato il tema di una " tempestiva petizione profetica ". 

Wedad Abbas Tawfik, della Chiesa copta ortodossa di Alessandria d’Egitto, ha fatto particolare riferimento alla situazione dei cristiani in Medio Oriente, Egitto e Siria, invitando a pregare per la pace in quella regione.

Leggi l'articolo: Testimoniare nelle sofferenze "Dio della Vita"