Trinità di Rublev

 

Andrej Rublëv
Icona della Trinità
, 1410 circa

 

Il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno. Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui... (Gen 18,1ss.)


notizie ed iniziative sulla celebrazione dell'anniversario della Riforma


DAL MONDO DELL'ECUMENISMO *

* in collaborazione con Il Regno


DAL CONSIGLIO ECUMENICO DELLE CHIESE


Sabato 4 febbraio 2017 è mancato Claudio Bianchi che, insieme alla moglie Dora, ha organizzato ed animato la vita del Gruppo Ecumenico di Trieste dal 1976 ad oggi. Il funerale, cattolico, svoltosi sabato 11, ha visto la partecipazione attiva dei pastori delle altre Chiese cristiane di Trieste. Nei discorsi di commiato sono stati ricordati la sua attività e il suo impegno in ambito ecumenico. Le amiche e gli amici del SAE sono vicini con affetto e nella preghiera a Dora, Tommaso, Alessandra e a tutti i familiari.

Lo ricorda il figlio Tommaso in questo articolo apparso il 17 febbraio su Vita Nuova, il settimanale della Diocesi di Trieste.

18 gennaio 2017

I presidenti del Consiglio delle Conferenze episcopali europee (CCEE) e della Conferenza delle Chiese europee (KEK) hanno pubblicato un mesaggio congiunto per la Setimmana di preghiera 2017: "L'amore di Cristo ci spinge alla riconciliazione".

Leggi il messaggio

 

15 novembre 2016

«Nasciamo da Dio, in Cristo moriamo, torneremo alla vita per opera dello Spirito Santo»

Così è avvenuto per Marianita questa notte.

Il silenzio e la preghiera ci accomunano nel ricordo, nel dolore e nella speranza.

Piero                          

Per Marianita

Testi  della celebrazione del rito funebre di Marianita

                      

  

              

23 Settembre 2016

Ledear religiosi islamici, ebrei, induisti, cristiani e buddisti si sono incontrati questa settimana ad Assisi per discutere di pace, mentre al di là dell’oceano, a New York leader mondiali politici riuniti daòl’ONU hanno messo a fuoco i problemi del mondo sconvolto.

Dal 18 al 20  settembre si è svolta la conferenza interreligiosa intitolata: «Sete di Pace:  fedi e culture in dialogo», che ha radunato circa 450 leader religiosi, organizzata ad Assisi dalla Comunità di sant’Egidio, nel trentesimo anniversario della prima" Giornata mondiale di preghiera per la pace", inaugurata da papa Giovanni Paolo II.

 8 settembre 2016 

Al Sinodo delle chiese metodiste e valdesi che ha avuto luogo a Torre Pellice dal 21 aL 26 agosto scorsi, ha partecipato Laura Caffagnini, socia del SAE, che ci ha inviato un resoconto sui clima ecumenico che si respirava nel sinodo e sui temi trattati.

 

14 giugno 2016

Una delegazione della Comunione mondiale delle Chiese riformate è stata ricevuta in Vaticano da papa Francesco il 10 giugno  2016.

«Il nostro incontro odierno – ha detto il papa -  è un ulteriore passo del cammino che caratterizza il movimento ecumenico; cammino benedetto e gravido di speranza, lungo il quale cerchiamo di vivere sempre più in conformità con la preghiera del Signore "perché tutti siano una sola cosa" (Gv 17,21).

Sono passati dieci anni da quando una delegazione dell’Alleanza Mondiale delle Chiese Riformate rese visita al mio predecessore, Papa Benedetto XVI. Nel frattempo, la storica unificazione tra il Consiglio Ecumenico Riformato e l’Alleanza Mondiale delle Chiese Riformate, avvenuta nel 2010, ha offerto un esempio tangibile di avanzamento verso il traguardo dell’unità dei cristiani ed è stata di incoraggiamento per molti nel cammino ecumenico».

2 giugno 2016 

 

A Maria Vingiani, a tre anni di distanza dal Premium Culturae del 2013, il 29 maggio scorso è stato assegnato il riconoscimento « Una stella dall’arcobaleno»” nell’ambito della XXI Festa del Volontariato sociale presso la Comunità di san Francesco di Falcen di Pedavena - Feltre (Belluno).

 

26 maggio 2016

Il cardinale Loris Francesco Capovilla ha concluso la lunga e feconda parabola della sua vita terrena oggi a Bergamo. Aveva cento anni, compiuti il 14 ottobre scorso. Nato a Pontelongo, in provincia di Padova, era stato ordinato prete il 23 maggio 1940. Per dieci anni, dal 1953 al 1963, è stato segretario particolare di Angelo Giuseppe Roncalli, prima quando questi era patriarca di Venezia e poi come papa Giovanni XXIII.

Da dicembre 1988 viveva a Sotto il Monte, paese d'origine di Angelo Roncalli, dove ha tenuto viva la memoria di Papa Giovanni XXIII ed è stato testimone fedele ed appassionato della ricchezza di grazia del Concilio Vaticano II.

In un suo intervento alla XXX Sessione di formazione del SAE (1992) ci ha lasciato un prezioso saggio della sua passione ecumenica e della sua profonda comprensione della figura di Giovanni XXIII, indissolubilmente legata alla vicenda del Concilio.

«Il SAE partecipa commosso al commiato di Mons. Loris Francesco Capovilla, portando in cuore la profonda riconoscenza per la generosità, la comunione d’intenti e la paternità spirituale con cui egli ha sempre accompagnato e incoraggiato il cammino dell’associazione e, ancor prima che essa venisse formalmente costituita, l’impegno personale della sua fondatrice Maria Vingiani», ha scritto la presidente Marianita Montresor nella lettera ai parenti di mons. Capovilla.

 Leggi la lettera 

Leggi la relazione di L. F. Capovilla: «Gaudet Mater Ecclesia». 11 ottobre 1962–1992: cammino trentennale nel solco aperto da Giovanni XXIII

La foto è stata scattata a Sotto il Monte durante una visita al cardinale L. F. Capovilla in occasione del Convegno di primavera 2011

Vedi le altre foto

24 aprile 2016

Il giorno della Pentecoste ortodossa, il 19 giugno nell'isola di Creta, inizierà il Concilio di tutte le Chiese ortodosse, dopo l'ultimo tenutosi a Nicea nel 787 e da tutte riconosciuto.
I preparativi del Sinodo sono in corso da decenni, avviati agli inizi degli anni Sessanta del secolo scorso su sollecitazione del Patriarca Ecumenico Athenagoras I.
Il Concilio affronterà 5 temi: l'ecumenismo, il digiuno, le attività ortodosse per promuovere la pace, gli impedimenti per il matrimonio, la definizione di autocefalia.
Vi parteciperanno una ventina di rappresentanti per ogni Chiesa ortodossa, e le decisioni potranno essere prese solo all'unanimità.

Pubblichiamo la bozza di un documento sui rapporti della chiesa ortodossa e il resto del mondo cristiano che sarà discusso al Concilio. Si tratta dell nostra traduzione della bozza adottata nella quinta Conferenza pre-conciliare a Chambesy, 10-17 ottobre 2015 e pubblicata secondo la decisione della Sinassi dei Primati delle Chiese Ortodosse autocefale che riteniamo particolarmente interessante perchè riporta il pensiero dei Primati delle chiese ortodosse sull'ecumenismo.

Leggi la bozza

16 aprile 2016

Papa Francesco, il Patriarca Ecumenico Bartolomeo I e l’Arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia Hieronymos II hanno visitato insieme il Moria refugee camp, di Lesbo oggi, 16 aprile 2016.

Un gesto di solidarietà e un forte segno ecumenico.

Nella dichiarazione congiunta, un appello lanciato alla comunità internazionale perché affronti con coraggio la «colossale crisi umanitaria», hanno scritto, tra l’altro:

« Da parte nostra, in obbedienza alla volontà di nostro Signore Gesù Cristo, decidiamo con fermezza e in modo accorato di intensificare i nostri sforzi per promuovere la piena unità di tutti i cristiani. Riaffermiamo con convinzione che «riconciliazione [per i cristiani] significa promuovere la giustizia sociale all’interno di un popolo e tra tutti i popoli […]. Vogliamo contribuire insieme affinché venga concessa un’accoglienza umana e dignitosa a donne e uomini migranti, ai profughi e a chi cerca asilo in Europa»  (Charta Oecumenica, 2001). Difendendo i diritti umani fondamentali dei rifugiati, di coloro che cercano asilo, dei migranti e di molte persone che vivono ai margini nelle nostre società, intendiamo compiere la missione di servizio delle Chiese nel mondo».

La Dichiarazione congiunta

Corone in mare per ricordare i morti  

 

 

 Lunedì 14 marzo 2016, 8° anniversario della morte di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, è stato assegnato alla presidente del SAE Marianita Montresor il Premio Fraternità - Chiara Lubich – Per una cultura di pace.

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6 marzo 2016

 Il 4 marzo si è spento a Lucca Domenico Maselli, pastore emerito della chiesa valdese. Nato nel 1933 ad Alessandria, Maselli ha guidato la comunità di Lucca dal 1980 al 2014. Dal 2006 al 2009 è stato presidente della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI). Docente emerito di storia del cristianesimo all'università di Firenze, è stato eletto parlamentare nel 1994 e 1996.

Come studioso, è stato autore di importanti lavori sulla storia dell'evangelismo in Italia.

Lo ricordiamo relatore alla Sessione del 2006 e al Convegno di primavera  a Catania nel 2008 dove l'ha intervistato sulle difficoltà dell'ecumenismo Elena Covini.

Leggi: la relazione alla Sessione: Religioni e Stato: quali modelli di relazione? e l'intervista: “Non perdere le occasioni” pubblicata in SAENOTIZIE 2-2008, p. 4.

 Il 5 marzo 2016 una delegazione della Chiesa valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi) si è recata in Vaticano per un’udienza con papa Francesco.

La visita ricambiava quella che papa Francesco aveva compiuto il 22 giugno 2015 al tempio valdese di Torino.

  

28 febbraio 2016

Maria Vingiani, fondatrice  del Segretariato Attività Ecuimeniche - SAE, ha compiuto 95 anni. 

Tutto il SAE si stringe intorno a lei con gratitudine per la sua opera profetica ed instancabile nella promozione dell'ecumenismo.

Marco Roncalli, che già aveva presentato sull'Osservatore Romano (14-15 giugno 2010) l'iniziativa di Maria all'"origine della dichiarazione conciliare Nostra Aetate", ripercorre le tappe del suo impegno e del SAE.

Leggi l'articolo: Pioniera dell'ecumenismo laicale. 

Si è spenta il 2 febbraio 2016 Febe Cavazzutti Rossi che è stata per anni responsabile del gruppo SAE di Padova, la città dove abitava ed era predicatrice locale ed della Chiesa metodista, di cui era stata anche organista.

Studiosa della storia della tradizione cristiana a cui apparteneva ha curato un volume di sermoni di John Wesley (La perfezione dell’amore, Claudiana, 2009) ed è stata, dal 1991 al 2001, vicepresidente della World Methodist Historical Society.

Come animatrice ecumenica non si è limitata al SAE e alla città di Padova, ma – come scrive il pastore William Jourdan, sovrintendente del VII Circuito delle chiese valdesi e metodiste in un testo sul sito della chiesa metodista di Padova - «aveva partecipato ad importanti momenti assembleari del movimento ecumenico europeo».

«La sua vita è stata segnata dalla malattia – ricorda ancora Jourdan -  che l’ha bloccata nei movimenti; eppure, anche questa esperienza drammatica è stata vissuta con una serenità di fede che per molti di noi rimarrà come insegnamento importante».

Alberto Corsani, in Riforma.it, inizia la presentazione di Febe con le parole da lei scritte nel 1994 a commento delle elezioni in Sud Africa, che videro affermarsi Nelson Mandela e l’African National Congress: «Hanno vinto loro: le donne nelle baracche di lamiera, di pezzi di cartone, ad arrostire coi bimbi fra le braccia sotto il sole del giorno e a vederli morire nel gelo delle notti, con l’acqua sempre lontana, sempre poca, magari da rubare in un cimitero di ricchi bianchi e poi essere imprigionate per furto. Hanno vinto i bambini (...) senza scuole, senza insegnanti, senza libri di testo, con programmi declassati, pensati per una razza inferiore» e della sua biografia sottolinea proprio il suo amore e il suo impegno costante per quel paese.

Leggi l’articolo: La spiritualità di Wesley, il Sud Africa nel cuore

14 febbraio 2016

 

«Abbiamo parlato come fratelli, abbiamo lo stesso Battesimo, siamo vescovi. Abbiamo parlato delle nostre Chiese, e concordiamo sul fatto che l’unità si fa camminando», ha dichiarato il papa dopo l’incontro del 12 gennaio a Cuba e la firma della Dichiarazione comune. Il patriarca Kirill ha detto: «Per due ore abbiamo tenuto una conversazione aperta, con piena intesa sulla responsabilità verso le nostre Chiese, il nostro popolo credente, il futuro del cristianesimo e il futuro della civiltà umana».

20 gennaio 2016

La visita di papa Francesco alla sinagoga di Roma, la terza di un pontefice romano, è stata segnata dai tratti della cordialità e dell’amicizia. Bergoglio prima di entrare  ha deposto un grande cesto di fiori bianchi sotto la lapide che ricorda la deportazione degli ebrei romani nel 1943. Quindi ha percorso a piedi via Catalana e ha ripetuto l’omaggio davanti alla lapide in ricordo di Stefano Gaj Taché, il bambino ucciso nell’attentato terroristico del 1982, intrattenendosi con i suoi familiari.  

Una volta entrato, per quasi mezz’ora, senza alcuna fretta, Francesco ha percorso in lungo e in largo il Tempio, stringendo mani e abbracciando i presenti.

0 gennaio 2016

Il SAE si unisce alla Federazione delle donne evangeliche in Italia (Fdei) nella denuncia delle inollerabili "aggressioni avvenute nella notte di San Silvestro a Colonia, Amburgo, Zurigo, Salisburgo, Helsinki".

"Non abbiamo gli strumenti per cogliere tutto il significato di quanto avvenuto e se qualcuno voglia strumentalizzare politicamente le denunce delle donne ma, in ogni caso, riteniamo che si debba mantenere alto il livello di attenzione. Il prossimo futuro ci farà capire meglio il movente e le dinamiche dei fatti denunciati, ma una cosa è certa: come donne consideriamo preziosa la nostra libertà e vogliamo che i nostri figli e le nostre figlie crescano in un mondo dove sono tenuti in alta considerazione valori come la libertà, la giustizia sociale e la solidarietà verso chi ne ha diritto".

Leggi l'articolo

Alla lista dei gruppi locali presenti sul WEB con un loro sito, si è aggiunto il gruppo locale del SAE di Napoli:

www.saenapoli.gruppisae.it

Benvenuti! Il gruppo è già presente da tempo anche su Facebook con la pagina  Dint' 'a 'n 'ora Dio lavora che vi invitiamo a visitare.

Il responsabile del gruppo locale del SAE di Napoli Lucio Baglio ricorda così la professoressa Rosanna Ciappa recentemente scomparsa, che è stata tra i fondatori di quel gruppo:

Era una persona di cultura 'dinamica', che perciò non ha mai cessato di interrogarsi e confrontarsi con i grandi temi del nostro tempo, sempre alla luce della fede. Un punto di riferimento per l'evangelismo  e per il movimento ecumenico napoletano. Il suo atteggiamento problematico ed il modo diretto di argomentare e di proporsi resteranno a lungo nella memoria di chi l'ha conosciuta e fungeranno da stimolo per chi vorrà e saprà ereditarne la funzione.

Maggiori informazioni nella pagina del gruppo locale

Laica ed aperta ai rappresentanti delle religioni cristiana, ebraica, musulmana è stata la cerimonia funebre che si è svolta nei giorni scorsi a Venezia per il commiato a Valeria Solesin, una delle vittime degli ultimi atti del terrorismo “globale “.
Così la hanno voluta i genitori ed il fratello della giovane donna, in omaggio al suo pensiero e al suo vivere.
Il dolore acuto e straziante si è dischiuso - nella ricerca istintiva di sollievo e lenimento - all’invito ed alla condivisione.
Tanto ci conforta e conferma l’intuizione profetica di Maria Vingiani che negli anni della giovinezza, nella stessa Venezia, colse l’importanza e l’ineludibile urgenza del dialogo interreligioso ed interconfessionale, sviluppato nell’alveo di uno spazio laico e socialmente impegnato.

In occasione delle celebrazioni per i 50 anni di Nostra Aetate alcuni ebrei di Francia hanno redatto un audace documento sul futuro dei rapporti ebraico - cristiani, che è stato consegnato dal rabbino capo di Francia Haim Korsia all'arcivescovo di Parigi, cardinale André Vingt-Trois, e al presidente della Federazione delle Chiese protestanti di Francia, pastore François Clavairoly, il 23 novembre 2015.

La visita di papa Francesco alla Christuskirche, la parrocchia luterana di Roma, si è svolta in un clima fraterno ed ha segnato alcuni notevoli passi avanti nel cammino ecumenico. Il papa aveva un discorso preparato, regolarmente pubblicato, ma che non è stato pronunciato. In esso si dice tra l’altro: «Mi sembra anche fondamentale che la Chiesa cattolica porti avanti coraggiosamente anche l’attenta e onesta rivalutazione delle intenzioni della Riforma e della figura di Martin Lutero, nel senso di una “Ecclesia semper reformanda”, nel grande solco tracciato dai Concili, come pure da uomini e donne, animati dalla luce e dalla forza dello Spirito Santo. Il recente documento della Commissione luterana-cattolica per l’unità, “Dal conflitto alla comunione - Commemorazione luterana-cattolica comune della Riforma nell’anno 2017”, ha affrontato e realizzato questa riflessione in modo promettente».

14 Novembre 2015

 Il SAE, ormai senza parole di fronte agli inauditi episodi di continua violenza, si unisce al Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC) che ha condannato fermamente gli ultimi attacchi terroristici a Parigi e a Beirut ed ha espresso il suo dolore per le vittime e la vicinanza alle loro famiglie e agli amici in una dichiarazione pubblicata il 14 novembre dal Comitato esecutivo riunito a Bossey, Svizzera.

Leggi la Dichiarazione

 

Il SAE, inoltre, condanna la violenta aggressione a Nathan Graff, avvenuta a Milano il 12 novembre. Esprime la sua vicinanza alle Comunità ebraiche italiane e rinnova il suo impegno nell'educazione al rispetto e al dialogo per un mondo dove sia bandita ogni forma di antisemitismo.

Mario Polastro, prete cattolico a Torre Pellice e a Pinerolo dagli anni del Concilio Vaticano II fino alla sua morte, avvenuta nella notte tra venerdì 25 e sabato 26 settembre 2015, all’età di 76 anni, ci ha lasciato un esempio eloquente di testimonianza dell’l’imperativo evangelico di servire gli ultimi e di aver accolto l’ecumenismo come «dimensione della fede e stile di vita».

È difficile ricordare tutti gli esempi delle scelte che don Mario, uomo mite ma fermo, traduceva nella sua vita. Accenniamo solo a due: d’estate affittava un rustico in montagna per offrire un soggiorno ai ragazzi delle famiglie più povere del quartiere San Lazzaro di Pinerolo, dove era la sua parrocchia, che aiutava non paternalisticamente, ma nei loro sforzi di promozione umana e sociale. Egli è stato animatore di diversi gruppi ecumenici, in particolare quelli di coppie inrteconfessionali, che esperimentano l’ecumenismo nella vita quotidiana.

Era amico del SAE e nella Sessione del 1993, Manderò il mio Spirito su tutti , ha tenuto una meditazione: «Spirito Santo e profetismo dei piccoli», che possiamo rileggere oggi ricordandolo «piccolo profeta» fra i piccoli, che pregano insieme il Salmo 131, che esprime il completo abbandono in Dio di chi prega, come quello del bimbo addormentato in braccio alla mamma, con cui conclude la meditazione.

Leggi La meditazione

 

 

 

Domenica 13 settembre 2015 Elvira Bernareggi (Berna per le amiche e gli amici) è passata ad altra vita.

Socia del SAE fin dalla prima ora diede inizio al Gruppo di Milano e ne fu la prima responsabile.

Era un’apprezzata islamista e fu cofondatrice con Caterina Conio del Centro interreligioso Henry le Saux, che ha continuato a sostenere, coadiuvata da Chiara Vaina, anche dopo la morte prematura di Caterina.

Berna mise le basi per il fiorire del dialogo ecumenico ed interreligioso nella diocesi di Milano.

Chi l’ha conosciuta era attratto dalla sua simpatia e si faceva coinvolgere dall’entusiasmo e dall’energia con cui lanciava e seguiva le iniziative in cui credeva; straordinaria era la sua capacità di intessere relazioni e creare ponti.

Riconoscenti al Signore per la sua presenza fra noi, cercheremo di continuare il cammino che ha tracciato.

Con Berna ricordiamo di nuovo Khaled Fouad Allam, deceduto il giugno scorso, che era legato a lei da profonda amicizia  e che è approdato al SAE proprio attraverso Berna.

 

L'annuncio della prossima chiusura della rivista 'Il Regno' del cui lavoro, tra l'altro, il nostro sito usufruisce da oltre tre anni, ci ha riempiti di amarezza.  Ci associamo al comunicato che i partecipanti alla 52a  Sessione di Formazione Ecumenica di Assisi hanno emesso appena appresa la notizia

 

24 agosto 2015 

Il sinodo annuale delle chiese metodiste e valdesi si è svolto a Torre Pellice dal 23 al 28 agosto.

Laura Caffagnini, una nostra socia, che è stata presente con la presidente Marianita Montresor, ce ne offre un interessante ed ampio resoconto.

Leggi l'articolo 

 Trovate i resoconti, le dirette di radio evangelica, la lettera di risposta alla richiesta di perdono del papa [...] sul portale di Riforma, che potete continuare a seguire, oltre il sinodo.

Il SAE si unisce al cordoglio della comunità valdese per la scomparsa del pastore Franco Giampiccoli.

Egli è deceduto ieri 9 aprile 2015 all’età di 81 anni dopo aver servito come pastore diverse chiese ed essere stato anche moderatore della Tavola;  soprattutto si è speso nel lavoro di direzione all’“Eco delle valli valdesi – La luce” , come ricorda Riforma nel dare l’annuncio della sua morte.

La sua ultima pubblicazione, che risale ai primi mesi di quest'anno, è dedicata all'ecumenismo: Willem A. Visser ’t Hooft. La primavera dell’ecumenismo.

Il ricordo di Riforma.it

7 aprile 2015

Lunedì 6 aprile ci ha raggiunto la dolorosa notizia della morte, a soli 44 anni, della pastora Caterina  Dupré. Lo scorso luglio si era gravemente ammalata e aveva dovuto lasciare la direzione del  Centro ecumenico di Agape,  di cui era responsabile dal 2009 dopo il servizio presso la Chiesa Valdese di Verona, Padova e Trento-Rovereto, condiviso col marito pastore Vito Gardiol a partire dal 2004. Durante la sua permanenza a Verona ho avuto modo di conoscere la sua passione pastorale e la disponibilità al dialogo, testimoniata anche con la partecipazione convinta a  incontri ecumenici  pubblici, oltre che al Coro Ecumenico della città. Dolce e determinata insieme, intelligente e colta, ricca di esperienze pastorali diverse, si era particolarmente interessata di Ortodossia e aveva partecipato a dialoghi bilaterali tra le Chiese Luterane e Riformate della Concordia di Leuenberg e gli ortodossi della KEK. Al SAE la ricordiamo  relatrice in una tavola rotonda  al Convegno di Primavera di Rimini del 2007, che aveva per tema "La luce di Cristo nella spiritualità ortodossa". In questi giorni vicini alla Pasqua la  testimonianza di fede e il  sorriso aperto di Caterina  ci restano nel cuore come invito ad accogliere con maggiore disponibilità la Parola della grazia.  Al marito Vito, alla mamma Anne-Marie e ai familiari tutti va il nostro pensiero e la nostra affettuosa vicinanza per questa grave perdita.

Marianita Montresor

«Non sarà la morte a dirci: «È finita!», ma il Cristo. Solo alla sua parola il nostro compito sarà esaurito. Non ci sarà più bisogno di fare. Non sarà né presto né tardi perché è lui, il Signore del tempo, che deciderà. Chi è dispensato dal servizio non entra nel buio, ma è tolto dal buio del non ancora. Al momento della sua morte l'uomo è un frutto pienamente maturo della riconciliazione operata, in Cristo, il giorno del Venerdì Santo e di Pasqua. La sua vita temporale sarà elevata alla vita eterna non certo secondo i misteriosi ,criteri delle nostre intuizioni, ma secondo la stessa potenza che ha tratto il Signore dalla tomba. Cristo rimarrà la luce perenne del nostro essere».

Renzo Bertalot ha pronunciato queste parole in una riflessione del Convegno di primavera del SAE del 1980 dal titolo Morte e regno di Dio riportata poi in Appendice del volume degli Atti della Sessione estiva successiva: Morte e risurrezione in prospettiva del Regno.

Lo ricordiamo con gratitudine come maestro ed amico, mentre iniziamo a rivisitare i suoi numerosi insegnamenti.

Leggi l’intera riflessione
Leggi il ricordo su Riforma.it

In questo tempo che ci avvicina alla Pasqua, ci raggiungono due notizie dolorose, ma che ci richiamano il mistero che ci apprestiamo a vivere e in qualche modo si offrono come testimonianza alla nostra meditazione e preghiera.

Ieri mattina il pastore Renzo Bertalot è tornato alla casa del Padre: poche ore dopo, in seguito all’aggravarsi di una malattia diagnosticata solo pochi mesi fa, ci la lasciato la carissima Renata Ilari Zerbino.

Pensare ad entrambi ci riporta subito al fecondo cammino che, a partire dal Concilio, per l’azione potente dello Spirito, ha portato una ventata di novità, trasformando le relazioni tra le diverse confessioni cristiane in Italia e con i fratelli ebrei.

Renzo e Renata sono stati partecipi e fautori di questo cammino, testimoni aperti all’azione dello  Spirito: fin dalle origini hanno condiviso il cammino del SAE, stringendo con Maria Vingiani un sodalizio fatto di condivisione di intenti e profonda comunione.

Al nome del pastore Renzo Bertalot  - che è stato consulente con mons. Sartori dell’Associazione nata da poco ed uno dei fondatori del Gruppo teologico - è legato uno dei frutti più significativi del cammino ecumenico in Italia, la traduzione interconfessionale della Bibbia in lingua corrente, che oltre al traguardo concreto di offrire alla realtà italiana il testo della Bibbia in un linguaggio vicino al nostro tempo, ha significato il costituirsi di una rete di rapporti di fraternità che ha unito pastori evangelici, preti cattolici e ortodossi, e laici di ogni confessione: un fatto che ancora oggi rappresenta uno degli aspetti più qualificanti della realtà ecumenica italiana.

Renata ha affiancato Maria Vingiani fin dall'inizio: con la sua famiglia è stata l’espressione più limpida di quello che ha cercato di essere il SAE, una realtà di credenti, di famiglie che hanno scelto di accogliere l’appello evangelico e viverlo responsabilmente, mettendo a  frutto i doni ricevuti dal Signore e dai  fratelli.

Il SAE di Roma e la realtà romana in particolare hanno beneficiato della sua intelligenza e della sua generosa presenza al fianco del marito Rino.

Riconoscenti al Signore per avere avuto tra noi Renzo Bertalot e Renata  Zerbino, siamo certi che   continuano ad accompagnarci nel nostro cammino verso quella meta che loro già possono godere nella luce del Signore.

Marianita Montresor - 21 marzo 2015

Il 9 marzo al Senato, rappresentanti delle chiese cattoliche, protestanti e ortodosse hanno firmato un appello ecumenico contro la violenza sulle donne, elaborato da una commissione congiunta della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei) e dell’Ufficio nazionale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Conferenza episcopale italiana (Cei).

Leggi il testo dell'appello
Leggi un articolo di commento della nostra socia Laura Caffagnini

 

Dal 17 al 19 aprile si è svolto al Centro Ecumene di Velletri l'XI Congresso della Federazione delle Donne Evangeliche in Italia dal titolo

Donne evangeliche in una società che cambia: praticare la giustizia, rafforzare la solidarietà, costruire nuove relazioni.

Tra le persone invitate c'era anche la presidente del Sae, Marianita Montresor, che ha offerto un saluto.

Leggi un articolo di commento della nostra socia Laura Caffagnini

Anche il gruppo locale del SAE di Piacenza ha aperto il suo sito. Benvenuti sul WEB! Potete visitarlo a www.saepiacenza.gruppisae.it. Ci trovate notizie sulle attività in corso e le attività passate del gruppo, un po' della loro lunga storia e, tra l'altro, la registrazione audio dell'intervento che Paolo Ricca fece in quella città nel 2009 in occasione del quarantesimo della fondazione del gruppo sul tema L'Unione Europea e le Chiese cristiane - Il contributo delle chiese cristiane per la costruzione di un'Europa laica e democratica.

Florestana Piccoli Sfredda è tornata alla Casa del Padre. Questo il comunicato della presidente del SAE Marianita Montresor:

La nostra carissima Florestana Piccoli Sfredda ci ha lasciato questa mattina. Ricordiamo con riconoscenza la sua testimonianza di fede convinta e operosa e la sua passione ecumenica, vissuta per lunghi anni nel SAE con entusiasmo e determinazione,  insieme al marito Emidio. Il suo impegno si è espresso sia a livello nazionale (fu anche vicepresidente dell'associazione), sia in sede locale (è stata a lungo responsabile del gruppo di Rovereto). Siamo vicini con affetto e nella preghiera a Nicola, membro del comitato esecutivo, ad Erica e ai familiari tutti.

Il Consiglio dei Gruppi Locali del SAE che si è riunito a Roma ai primi di novembre ha ratificato un'importante novità: sono nati due nuovi gruppi locali della nostra associazione: uno al sud e uno al nord. Benvenuti ai nuovi gruppi di Napoli e di Maguzzano.

Il SAE, nell’aderire alla XIII edizione della giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico che si terrà il prossimo 27 ottobre 2014 sul tema:

LE RADICI COMUNI: COMPASSIONE E MISERICORDIA
Praticare l’accoglienza reciproca e la riconciliazione

sottoscrive  il

Comunicato congiunto di cristiani e musulmani
contro ogni violenza e guerra nel nome di Dio

del Comitato promotore della giornata.

Nell'appello congiunto viene ribadito il rifiuto della guerra e della violenza nel nome di Dio e  si chiede a tutte le comunità religiose cristiane e musulmane di avviare «un lavoro educativo e teologico teso a promuovere il valore della nonviolenza tra i propri fedeli, togliendo ogni  legittimità teologica o religiosa a chi promuova guerre, stupri violenze e intolleranza nei confronti di altri uomini e di altre donne, di bambini e bambine qualsiasi sia la loro fede o il loro orientamento culturale».
Il comunicato denuncia «chi ha incoraggiato, armato ed organizzato – per calcolo o per interesse – gruppi oggi incontrollabili mossi da logiche e obbiettivi folli, fino a far paventare – come lo stesso papa Francesco ha recentemente riconosciuto – una sorta di terza guerra mondiale» (dal sito www.ildialogo.org)

Il testo completo dell'appello congiunto è leggibile a questo link

Si è svolto a Torre Pellice dal 24 al 29 agosto il Sinodo delle Chiese valdesi e metodiste. Riceviamo e volentieri pubblichiamo un articolo in proposito della nostra socia Laura Caffagnini.

Leggi l'articolo

Mons. Loris Capovilla ha voluto inviare un messaggio e una benedizione ai partecipanti al Convegno di Primavera del SAE appena conclusosi a Napoli.

Clicca qui per leggere il messaggio

 

22 giugno 2015

Il SAE ha seguito con gioia la visita di papa Francesco al tempio valdese di Torino e con particolare commozione la sua richiesta di perdono.

Spontanea si eleva una preghiera di ringraziamento allo Spirito che guida il cammino ecumenico, che oggi ha compiuto un passo significativo verso la riconciliazione , che abbiamo la responsabilità di continuare a perseguire.

I testi dei discorsi:

Discorso di papa Francesco

Discorso del moderatore Bernardini

Saluto del pastore Paolo Ribet

Saluto di Oscar Oudry, moderador de la Iglesia valdense Oscar Oudri 

Saluto di commiato di Alessandra Trotta

 

Il 10 giugno 2015 è morto improvvisamente Khaled Fouad Allam.

Studioso molto serio di letteratura islamica e di sociologia, impegnato nella ricerca del dialogo fra culture e religioni, come unica strada per uscire dallo scontro e incamminarsi verso l'incontro, si è profuso in questo suo impegno per tutta la vita.

Per ricordarlo abbiamo pubblicato i suoi sette interventi -  ad altrettante Sessioni del SAE -   che, con grande lucidità ed estrema pacatezza, delineano le difficoltà e i primi passi essenziali per chi voglia affacciarsi al dialogo con l'Islam. 

 

La Gente del Libro (Ahal al-Kitab): un tema ricorrente nel Corano. Riflessione coranica (1987)

«Fede, Religione, Cultura»: dal Dialogo delle culture alla cultura del dialogo: per una metodologia nel dialogo con l’Islam (1988)

Le Religioni in dialogo sulla figura di Gesù. Testimonianza islamica (1991)

Le fedi vive nella testimonianza di credenti. Punto di vista islamico (1992)

Le Religioni mondiali e gli «Altri». Il Corano e gli «Altri» (1994)

I Diritti umani nell’islamismo (1995)

Identità religiosa e convivenza (2000)

Elio Toaff, rabbino capo di Roma dal 1951 al 2001, è morto il 19 aprile, il suo ricordo sia in benedizione.
La presidente e  i soci e le socie del SAE si uniscono nel ricordo di un grande uomo che ha segnato la storia della seconda metà del Novecento e ha orientato il cammino delle nuove generazioni verso il dialogo e la pace.

Lo storico incontro di Toaff con il papa Giovanni Paolo II, avvenuto nella sinagoga di Roma il 13 aprile 1986, è stato un segno significativo del mutato rapporto fra cattolici ed ebrei.
Nell’autobiografia: Perfidi giudei Fratelli maggiori (Milano 1987), Elio Toaff, mentre ricorda i passi positivi del cammino iniziato con la dichiarazione del concilio Vaticano II Nostra Aetate, avverte che esso non è facile e va perseguito con attenzione e costanza per non ricadere nei secolari pregiudizi antigiudaici, sedimentati nell’insegnamento cristiano.
Pensiamo che il modo migliore per ricordare Elio Toaff sia far tesoro dei suoi preziosi insegnamenti.

Riportiamo in proposito la dichiarazione della Presidenza del SAE

Domenica 12 gennaio 2014
Oggi siamo tutti rallegrati dall’annuncio fatto da papa Francesco al termine dell’Angelus, quando ha annunciato i nomi di coloro che creerà cardinali nel prossimo Concistoro del 22 febbraio.
Tra questi, il nome a noi molto familiare, da sempre Amico del SAE e vicino a Maria Vingiani, di Loris Francesco Capovilla, già arcivescovo prelato di Loreto e titolare di Mesembria, ci riempie di gioia per il riconoscimento del suo servizio . .

Nelson Mandela all’ottava Assemblea del CEC
ad Harare, Zimbabwe, 1998. © WCC/ Chris Black

Ci uniamo al segretario del Consiglio Ecumenico delle Chiese nel rendere omaggio riconoscente a Nelson Mandela – celebre militante anti-apartheid, premio Nobel per la pace, primo presidente nero del Sudafrica, deceduto il 5 dicembre - per la sua opera esemplare alla ricerca della libertà e della cooperazione fra tutti gli esseri umani e ringraziamo Dio per il dono della sua vita.
Nel ricordare Nelson Mandela il segretario riporta le parole pronunciate da lui all’Assemblea del CEC di Harare (Zimbawe) nel 1998.

Leggi il testo del segretario
Leggi l'intervento di Mandela all'Assemblea di Harare

Due Chiese, aderenti al Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC), appartenenti rispettivamente alle tradizioni riformata e luterana, si sono fuse per formare la Chiesa protestante unita di Francia.
L’unione della chiesa riformata di Francia e della Chiesa evangelica luterana di Francia è stata celebrata in occasione di un sinodo che si è tenuto dall’8 al 10 maggio a Lione.
Il pastore Olav Fykse Tveit, segretario generale del CEC, che ha partecipato alla celebrazione a Lione, ha affermato che questa unione dona speranza a tutti coloro che lavorano per l’unità dei cristiani; il modo in cui cristiani di confessioni diverse son riusciti a lavorare in Francia potrà ispirare i cristiani in altre parti del mondo.

Leggi l’intervento del segretario del CEC

Il Consiglio Ecumenico delle Chiese ringrazia Dio per la vita di Emilio Castro, che ha servito per quasi vent’anni come esponente di spicco dello staff del CEC e ne è stato il quarto segretario generale dal 1985 al 1992. Castro è morto a Montevideo, Uruguay, la città dove era nato nel 1927, il 6 aprile 2013 all’età di 85 anni.

E' mancato il pastore Valdo Benecchi, grande amico del SAE, che ha sempre collaborato col gruppo di Genova, dove era stato pastore  e dove era ritornato dopo la sua emeritazione, e per diversi anni ha partecipato alle Sessioni del SAE alla Mendola ed a Chianciano  soprattutto come conduttore dei gruppi di studio.
La sua scomparsa lascia un profondo vuoto e rimpianto: la sua  fede forte ed appassionata sarà sempre nel nostro ricordo e ci sarà  di esempio.

Il sito della Chiesa Valdese di Genova gli ha dedicato un ricordo.

Noi pubblichiamo una sua relazione, alla XXXI Sessione di formazione ecumenica, di grande attualità:

SPIRITO SANTO E «PAROLA».

Nel giugno 2013 si terrà un evento promosso da alcuni Rabbini e intellettuali ebrei che coinvolge assieme ebrei e cristiani.
Si tratta di un viaggio in Israele organizzato in modo tale da essere contemporaneamente

È giunta a conclusione l'ultima fatica del Gruppo Teologico del SAE.

Si intitola

SPIRITO SANTO E CHIESA

ed è stato elaborato con lo scopo di offrire un contributo al superamento delle attuali

Sabato 14 luglio 2012 è stata proclamata nuova presidente del SAE, al posto del presidente uscente Meo Gnocchi

Marianita Montresor

attualmente responsabile del gruppo di Verona e membro del Comitato Esecutivo uscente.

Vai al verbale dello scrutinio

 

Il 10 settembre, nell'ambito del XXV Congresso Eucaristico Nazionale ad Ancona si è svolto un Convegno Ecumenico dal titolo

L’Eucaristia e la vita quotidiana

a cui hanno partecipato S.E. mons. Mansueto BIANCHI, Presidente della Commissione Episcopale per l’ecumenismo e il dialogo della CEI, S.Em. il Metropolita Gennadios ZERVOS, Arcivescovo del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli per l’Italia e Malta e la Pastora Lidia Maggi dell'Unione Cristiana e Evangelica Battista d'Italia a nome della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia.

Rimandando per maggiori informazioni all'agenzia NEV n. 35/36 del 14 settembre (consultabile sul sito dell'OLIR). pubblichiamo, su autorizzazione della Pastora, il testo dell'intervento di Lidia Maggi.

Vai al testo dell'intervento 

In occasione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il gruppo SAE di Venezia insieme ad altri organizzano per il 6 e 7 settembre la proiezione di un documentario e un dibattito che, a partire dal terremoto di Haiti affrontano il tema della possibilità di costruire relazioni più solidali e una società più giusta.
Per saperne di più vai alla pagina del gruppo locale di Venezia

Maria Vingiani ha compiuto 90 anni: Avvenire le ha dedicato una pagina dell'edizione di domenica 27 febbraio con un articolo di Riccardo Maccioni e la RAI un servizio nel programma Oggi 2000 di domenica 6 marzo con voci di Maria, Paolo Ricca e Riccardo di Segni.


    • La registrazione del servizio RAI è ascoltabile o scaricabile cliccando qui.

 

Sono stati pubblicati gli
ATTI DELLA XLVII SESSIONE 2010
Sognare la comunione Costruire il dialogo
Cento anni di speranza ecumenica
Chianciano Terme - Siena
25 - 31 luglio 2010
A cura del Segretariato Attività Ecumeniche (ed. ÀNCORA)