SEGRETARIATO
                 ATTIVITA'
           ECUMENICHE

saenazionale@gmail.com

                        
ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO                  

 

 

 


24 aprile 2015

È il tema della Settimana mondiale per la pace in Palestina Israele, istituita dal 20 al 26 settembre 2015

Il Forum ecumenico Israele Palestina (Pief) del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) invita le chiese membro, le comunità di fede e le organizzazioni della società civile di tutto il mondo a celebrare dal 20 al 26 settembre 2015 la Settimana mondiale per la pace in Palestina Israele (Wwppi), il cui tema è «Dio ha abbattuto i muri che dividono». 

Per domenica 20 settembre, giorno di apertura della settimana, le chiese di tutto il mondo sono invitate a fare culto e pregare con una liturgia speciale, realizzata dai cristiani palestinesi. Inoltre, ulteriore materiale, preparato dal Programma di accompagnamento ecumenico per la Palestina e Israele (Eappi) del Regno Unito, è disponibile online (http://pief.oikoumene.org/en/world-week-for-peace).

Quest’anno, il Forum ecumenico Israele Palestina (Pief) opererà, attraverso l’Inter-Church Centre di Gerusalemme, il Programma di accompagnamento ecumenico per la Palestina e Israele (EAPPI) e Kairos Palestine, per sviluppare una coalizione che sostenga la campagna contro il muro di separazione illegale. L’intento è di mobilitare i movimenti dei diritti umani, i movimenti sociali, i movimenti studenteschi, le coalizioni interreligiose in Palestina e i gruppi di solidarietà palestinesi in tutto il mondo.

«Come partecipanti alla Settimana mondiale per la pace in Palestina Israele, siamo chiamati a dare un segnale forte e chiaro ai leader politici, alle comunità e alle parrocchie circa la necessità urgente di un accordo di pace che metta fine all’occupazione illegale e assicuri i diritti legittimi e il futuro di entrambi i popoli», hanno dichiarato Muna Mushahwar e Robert O. Smith, co-moderatori di Pief.

«Questo è il Kairos, è il tempo giusto per agire. È il tempo di porre fine all’occupazione illegale israeliana del territorio; è il tempo per i diritti politici del popolo palestinese di essere riconosciuti e applicati; è il tempo per i palestinesi e gli israeliani di condividere una pace giusta per il bene di tutti i popoli della regione; è il tempo di lasciare che la guarigione inizi. Lo smantellamento del Muro sarà un primo passo», hanno aggiunto Mushahwar e Smith.

 Riforma.it ; WCC