SEGRETARIATO
                 ATTIVITA'
           ECUMENICHE

saenazionale@gmail.com

                        
ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO                  

 

 

 


Da sinistra a destra: Tariq Abdul Akbar, Liron Alkolombra and Mark Edwards, studenti del corso estivo interreligioso del CEC. © WCC/Peter Williams

23 Agoso 2014

Tra la realtà delle tensioni, spesso alimentate dalle religioni, un gruppo di giovani cristiani, musulmani ed ebrei ha formato una comunità interreligiosa, che ha preso parte a un corso estivo sponsorizzato dal Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC) e da Religioni per la pace.

Questa comunità intende lavorare per la salvaguardia del creato, - una preoccupazione che è comune a tutte le tradizioni religiose.

Formata da 19 studenti cristiani, musulmani ed ebrei, provenienti da 12 paesi diversi, è stata ospitata dall’Istituto ecumenico del CEC a Bossey, Svizzera, dal 4 al 22 agosto.

Un corso estivo interreligioso è organizzato ogni anno dal 2007 dall’Istituto ecumenico di Bossey, come parte delle iniziative di formazione ecumenica, in collaborazione con il programma del CEC sul dialogo e la collaborazione interreligiosi, insieme alla Fondazione per l’Interconoscenza e la Fondazione Radici e Sorgenti.

Fra i partecipanti al corso Tariq Abdul Akbar, di 21 anni, musulmano proveniente dagli Stati Uniti, convertito all’islam a 18 anni e studente al Community College di Baltimora, ha sottolineato l’importanza di lavorare insieme come comunità religiose per la giustizia climatica.

“Da dove provengo, osservo, con le diversità, le separazioni. Spesso è la politica, piuttosto che le filosofie religiose che ci dividono ", ha detto Akbar. "Tuttavia, dobbiamo sapere, come persone di fede, che abbiamo bisogno di mettere da parte le nostre differenze religiose e unirci per aumentare la consapevolezza sul cambiamento climatico. Dopo tutto questa è una questione di diritti umani e colpisce tutte le persone nel mondo".

Akbar sarà in un gruppo di giovani che parteciperà al Summit interreligioso sul cambiamento climatico che si terrà il 21-22 settembre a New York. Gli studenti del corso estivo stanno preparando una dichiarazione sul cambiamento climatico da presentare al Summit.

Questa dichiarazione, ha spiegato Akbar, sarà caratterizzata dal punto di vista dei giovani, che vogliono vedere azioni visibili per la giustizia climatica dagli Stati e dai politici.

Mark Edwards, un altro studente della Chiesa di Ceylon, in Sri Lanka mette in luce l’impatto del cambiamento di clima sullo sviluppo dei territori che stanno sopportando il peso di disastri ecologici.

Liron Alkolombra, una rappresentante della tradizione ebraica al corso estivo di Bossey, ha affermato che vivere in una comunità multireligiosa è un “aprire gli occhi”; aiuta a togliersi la maschera e ad abbandonare gli stereotipi.

Nota sulla giustizia climatica della decima Assemblea del CEC a Busan

L'attenzione del CEC alla giustizia climatica

Il CEC e il rapporto interreligioso

I giovani nel CEC

Sito web dell'Istituto ecumenico di Bossey

Sito web del Summit interreligioso sul cambiamento di clima