01 Ottobre 2016

 

Estremismo, dialogo e pace sono al centro del comunicato congiunto cristiano-musulmano

Il dialogo interreligioso e la cooperazione sono stati la base dei colloqui il 30 settembre e l’1 ottobre 2016 sul tema: «Verso un mondo integrato», una serie di discussioni ad alto livello fra il Muslim Council of Elders, guidato dal Grand-Iman di Al-Azhar , con base al Cairo e i rappresentanti del Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC), le sue chiese membro e i partner ecumenici inclusa la Federazione mondiale luterana.

L’incontro al Centro ecumenico di Ginevra è stato seguito da una pubblica conferenza all’Istituto ecumenico del CEC a Bossey, Svizzera, dove il Grand Imam ha parlato su: «Il ruolo dei leader religiosi nel realizzare la pace del mondo»

Un comunicato congiunto, adottato dai partecipanti nelle sessioni di Ginevra, ha assicurato la continuazione della cooperazione pratica tra le comunità religiose e ha aggiunto: «La preoccupazione principale della riunione è stata la pace, e in particolare il ruolo delle religioni, dei leader religiosi e delle organizzazioni basate sulla fede nella creazione di una cultura di pace e di pratiche di promozione della pace. Come figli di Abramo, concordiamo nell’affermare che l'umanità è stata creata per condividere i doni di amore e compassione, pace e misericordia, onestà e sincerità».

Alla fine dell’incontro, entrambe le parti si sono dichiarate d’accordo di continuare le relazioni e di convocare il prossimo incontro al Cairo nel 2017.

Leggi il comunicato

Scarica le foto dell’incontro