Trinità di Rublev

 

Andrej Rublëv
Icona della Trinità
, 1410 circa

 

Il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno. Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui... (Gen 18,1ss.)


notizie ed iniziative sulla celebrazione dell'anniversario della Riforma


DAL MONDO DELL'ECUMENISMO *

* in collaborazione con Il Regno


DAL CONSIGLIO ECUMENICO DELLE CHIESE


 

15 Febbraio 2017

La religione discrimina?  Esistono discriminazioni all’interno e da parte di religioni diverse? Il segretario generale del Consiglio ecumenico delle Chiese. Olav Fykse Tveit ha esaminato questi interrogativi con altri relatori nel corso di una conferenza in un centro culturale a Trondheim, Norvegia, il 14 febbraio, intervenendo all’ISFiT 2017  (“International Student Festival in Trondheim”), in corso dal 9 al 18 febbraio.

"La discriminazione è strettamente collegata alla giustizia, e la giustizia deve essere espressa in diritti", ha detto Tveit.  “I diritti appartengono a strutture di responsabilità; i diritti umani universali sono ciò che gli Stati nazionali dovrebbero attuare nella loro legislazione e nei sistemi di giustizia. I diritti sono definiti da convenzioni e accordi internazionali".

Quando colleghiamo queste definizioni con la religione, aggiungiamo molte dimensioni alla discussione, ha continuato. "In particolare aggiungiamo nuove domande di base alla dimensione della responsabilità. Cosa significa che noi siamo responsabili davanti a Dio quando si discute di religione e discriminazione? La mia risposta è: significa molto ciò che intendiamo per responsabilità morale e anche per responsabilità giuridica ".

Tveit ha parlato di religione e discriminazione indicando come si rapportano con il pellegrinaggio di giustizia e di pace del CEC

"Stabilire la giustizia e la pace significa in larga miisra affrontare tutte le forme di discriminazione", ha detto. "Essere responsabili davanti a Dio, al Dio vivente e creatore di tutto, significa in primo luogo essere responsabili di chi vive oggi. In particolare siamo responsabili soprattutto nei confronti degli altri esseri umani, che sono stati creati a immagine di Dio. Essere un essere umano significa essere “un essere umano compagno”, essere, cioè, sempre in relazione con gli altri, anche gli sconosciuti e gli stranieri".

In ultima analisi, ha osservato, la riflessione riguardo a religione e a discriminazione impone di porsi domande difficili, ma vitali: "Che cosa può portare speranza agli esseri umani di domani? La religione è forse qualcosa che usiamo per garantire il nostro futuro, per salvaguardare la riproduzione soltanto del nostro clan, del nostro gruppo, della nostra nazione, o è una base e una fonte di ispirazione per quello che possiamo chiamare il futuro dell'umanità? "

Tveit è intervenuto ad una sessione plenaria del Festival sul tema: religione e discriminazione, nel corso del quale i relatori, provenienti da diverse parti e religioni del mondo, hanno raccontato le loro storie ed esperienze.

Tra gli altri oratori Marina Nemat, una rifugiata cristiana dell'Iran, e il dottor Ismail Cuneyt Guzey,  professore associato del Dipartimento di Neuroscienze e scienze motorie presso l'Università norvegese della scienza e della tecnologia, nonché leader della Società musulmana di Trondheim.

Ha moderato la sessione Ulrika Mårtensson, professore all'Università norvegese della scienza e della tecnologia, Dipartimento di Filosofia e Studi Religiosi.

Video dell’evento

WCC

Tag: Pellegrinaggio di giustizia e di pace Tveit segretario generale CEC  Norvegia  religione  discriminazione