Trinità di Rublev

 

Andrej Rublëv
Icona della Trinità
, 1410 circa

 

Il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno. Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui... (Gen 18,1ss.)


notizie ed iniziative sulla celebrazione dell'anniversario della Riforma


DAL MONDO DELL'ECUMENISMO *

* in collaborazione con Il Regno


DAL CONSIGLIO ECUMENICO DELLE CHIESE


 

18 novembre 2016

ll Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC), il 17 novembre alla Conferenza Onu sul cambiamento climatico (COP22) a Marrakech, in Marocco ha esortato a tradurre la speranza prevista dall'accordo di Parigi in azioni concrete per indirizzare il mondo verso un futuro più giusto e sostenibile.

Alla plenaria di chiusura nel pomeriggio di giovedi, Henrik Grape, coordinatore del gruppo di lavoro del CEC sui cambiamenti climatici, ha parlato a nome delle organizzazioni non governative basate sulla fede. Egli ha detto che due segni di speranza  - l’Agenda per lo sviluppo sostenibile  dal 2015 al 2030 e l'accordo di Parigi - sono fondamentali strumenti internazionali che hanno il potenziale per indirizzare il mondo verso un futuro più giusto e sostenibile.

"È assolutamente fondamentale per la COP 22 tradurre la speranza generata a Parigi lo scorso anno in ambizioni più alte e azioni concrete", ha detto Grape, aggiungendo che i paesi ricchi e industrializzati sono storicamente gli emettitori primari e i beneficiari delle emissioni di gas serra - e c'è un obbligo morale per questi paesi di agire e di agire ora.

"Come comunione di persone di fede, portiamo una speranza che ci spinge a parlare e ad agire. L’impoverito, le generazioni future e la creazione stessa devono essere al centro di ogni politica climatica e di ogni accordo", ha detto Grape. "Questa speranza ci spinge a partecipare ad un pellegrinaggio di giustizia e di pace sulla terra e con la terra - un dono e una casa per tutti noi, e la cui bontà dovrebbe essere condivisa e goduta in modo equo e sostenibile”.

Grape ha invitato i partecipanti alla COP22 a dimostrare che l'accordo di Parigi è reale e a far decollare l’ambizione di mantenere l'aumento della temperatura media globale al punto 1.5 gradi Celsius. Egli ha anche invitato a una rapida transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio attraverso la cessazione delle sovvenzioni ai combustibili fossili e l’aumento degli investimenti nelle energie rinnovabili.

Il CEC ha anche esortato a garantire che i vari meccanismi previsti dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, come l'adattamento, la perdita e il danno, il rafforzamento delle capacità e delle finanze, siano sviluppati per contribuire ad una società giusta e resistente per tutti. È anche fondamentale, ha detto Grape, garantire un supporto incrementato, trasparente e continuativo alle nazioni povere e vulnerabili da parte delle nazioni ricche e sviluppate.

COP22, chiamata anche “COP per l’azione”, in concomitanza con la prima riunione delle parti contraenti dell'accordo (CMA1) e dodicesima Conferenza delle Parti agenti come riunione delle Parti del Protocollo di Kyoto (CMP12), si sta svolgendo a Marrakec , Marocco dal 7 al 18 novembre. Le delegazioni dalla ACT Alliance, della Federazione luterana mondiale e del CEC chiedono congiuntamente una più rapida transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio basata sull’energia pulita al fine di arginare l'aumento delle temperature globali