SEGRETARIATO
                 ATTIVITA'
           ECUMENICHE

saenazionale@gmail.com

                        
ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO                  

 

 

 


 

Karen Georgia Thompson della Chiesa Unita di Cristo festeggia il voto in favore della piena comunione fra la sua Chiesa e la Chiesa Unita del Canada. Foto: The United Church of Canada

 14 Agosto 2015

 Un voto storico in Canada ha posto le basi per una stretta collaborazione tra due chiese del Nord America. Il Consiglio Generale della Chiesa Unita del Canada, riunito a Corner Brook nella provincia canadese di Terranova e Labrador, ha votato all'unanimità il 13 agosto per adottare una proposta di "piena comunione" con la Chiesa Unita di Cristo negli Stati Uniti. Questa è la prima volta che una tale proposta è stata adottata dalla Chiesa canadese. L'annuncio del risultato della votazione è stato accolto con una ovazione.

 Il termine "piena comunione" è utilizzato per gli accordi formali tra le chiese che riconoscono di condividere una visione comune della missione cristiana e si impegnano ad avviare un ministero congiunto e a chiamare come pastori i ministri gli uni degli altri.

 L’accordo fra la Chiesa Unita di Cristo e la Chiesa unita del Canada diventerà effettivo in ottobre 2015 con una celebrazione nella città di Niagara Fulls, Ontario, in Canada al confine con gli Stati Uniti. Un culto congiunto e un tempo di comunione (fellowship) segnerà l’evento.

Entrambe le chiese sono membro del Consiglio Ecuminico delle Chiese (CEC) e della Comunione mondiale delle Chiese riformate (WCRC).   Il rev. Geoffrey Black,che si è recentemente ritirato da ministro generale e presidente della Chiesa Unita di Cristo, era a Corner Brook per assistere al voto. Era anche presente il rev. Campbell Lovett, ministro della Conferenza del Michigan della Chiesa Unita di Cristo e Karen Georgia Thompson, ministro per i rapporti ecumenici e interreligiosi.

 

Speranza ecumenica

 In un’intervista con il servizio delle comunicazioni del CEC, Black ha detto che l’accordo era “naturale”.

 "Siamo chiese che cercano la giustizia e condividiamo un continente. Molti membri attraversano il confine regolarmente e celebrano il culto insieme. C'è la cooperazione transfrontaliera a livello regionale. È naturale che i nostri corpi nazionali di chiesa fondino e rafforzino queste relazioni. Insieme, avremo una voce più forte nelle nostre capitali, Washington e Ottawa ".

 La Chiesa unita di Cristo è impegnata in altri tre accordi di piena comunione: uno con la Chiesa cristiana (Discepoli di Cristo) e un altro con la Chiesa evangelica luterana d’America, la Chiesa presbiteriana (USA) e la Chiesa riformata in America. Il terzo è con la Chiesa evangelica di Germania (EKD).

 Un'intervista con il servizio delle comunicazioni del CEC prima della votazione, Thompson, che rappresenta la sua chiesa nei forum ecumenici globali come il CEC e il WCRC, prende atto che l’accordo sta generando energia e entusiasmo nei circoli ecumenici al di là del Nord America: "Questa è la speranza ecumenica. È un modo di vivere l'unità dei cristiani, senza la fusione delle nostre strutture confessionali2.

Anche se non ci sono stati seri ostacoli all'accordo di completa comunione, Thompson riconosce che le discussioni erano "permeate" dalla questione dell'identità nazionale.

"Il problema non era la comprensione di ogni chiesa del contratto di piena comunione. La domanda era: che cosa significa vivere con questo confine internazionale. Per esempio, che cosa significa per Canada First Nations e per i nativi americani? » Thompson chiede. I popoli indigeni nei due paesi non riconoscono il confine che divide le loro terre tradizionali.

I termini del contratto di piena comunione tra le due chiese del Nord America differiscono in almeno una chiave rispetto ad altri accordi transfrontalieri, come quelli della Concordia di Leuenberg che stabilisce i termini per relazioni più strette fra chiese luterane e riformate in Europa.

"Questo è forse il primo accordo transnazionale al mondo che comporterà un processo di scambio formale di ministri. In Europa, gli accordi tra le chiese riformate e luterane non riguardano lo scambio dei ministri", osserva Thompson.

L'accordo tra le due chiese del Nord America arriva in un momento in cui è sempre più difficile per le persone attraversare la frontiera tra il Canada e gli Stati Uniti per accettare un lavoro, ma lo scambio di personale del ministero è una componente chiave del contratto. L'accordo pone anche domande su ciò che gli accordi di piena comunione con altre chiese esistenti da parte della Chiesa unita di Cristo potrebbero significare per la Chiesa Unita del Canada nelle relazioni con quelle stesse chiese.

Thompson riconosce che il voto di oggi inizia un processo di implementazione che includerà l’esplorazione di domande come queste.