Trinità di Rublev

 

Andrej Rublëv
Icona della Trinità
, 1410 circa

 

Il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno. Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui... (Gen 18,1ss.)


notizie ed iniziative sulla celebrazione dell'anniversario della Riforma


DAL MONDO DELL'ECUMENISMO *

* in collaborazione con Il Regno


DAL CONSIGLIO ECUMENICO DELLE CHIESE


20 novembre 2016

Venti leader di chiese provenienti dal Kenya, dall’Uganda e dalla  Tanzania si sono incontrati ad Arusha, Tanzania, dal 7 all’11 novembre per discutere di approfondimento dell’inclusione, della partecipazione e del coinvolgimento attivo di persone con disabilità nella vita spirituale, sociale, economica e strutturale delle chiese e della società. Il forum era stato organizzato dal Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC) dalla rete ecumenica Disability Advocates  (EDAN) ed ospitato dal Consiglio delle Chiese in Tanzania (CCT)

I partecipanti hanno affermato che, sebbene sia stato fatto molto negli ultimi anni per approfondire la comprensione, l'accettazione e l'integrazione delle persone con disabilità nella chiesa e nella società, è chiaro che c'è ancora molto da fare per aiutare le chiese a considerare le persone con disabilità come partecipanti a pieno titolo non solo nella vita spirituale della chiesa, ma anche nelle sue strutture di sviluppo e di potere.

Fredrick Onael Shoo, vescovo responsabile della Chiesa evangelica luterana della Tanzania (ELCT), ha inviato al forum una dichiarazione di apertura che è stata letta da Solomon Jacob Massangwa, vescovo della diocesi Nord Arusha della chiesa evangelica luterana di Tanzania. Nella dichiarazione si legge: "La questione di una società inclusiva, anche se ben presentata e precisata dagli organismi internazionali negli obiettivi di sviluppo sostenibile 2016 - 2030, per la maggior parte di noi e in particolare la chiesa tradizionale, continua ad essere un fenomeno nuovo. I dirigenti di chiesa, credenti e tradizionalisti intendono la disabilità come una maledizione di un Dio vendicativo, perciò il  prendere a bordo le persone con disabilità è considerato un abominio ".

C'è ancora bisogno di sensibilità e di continuo dialogo per aumentare la consapevolezza che vi è  separazione tra il peccato e la disabilità, e per aiutare le chiese a considerare le persone con disabilità non solo come persone che ricevono solo quello che gli altri danno, ma come partecipanti a pieno titolo nella vita della chiesa. I responsabili di chiesa hanno studiato e riflettuto su materiali riguardanti la disabilità predisposti dal CEC, esplorando le questioni relative alle implicazioni dell’incapacità della teologia di distinguere tra analogie e differenze tra le persone con disabilità.

Essi hanno inoltre discusso di come la guarigione possa essere intesa con riferimento alle persone con disabilità nella chiesa e nella società nel 21° secolo, così come il modo per far sì che le persone con disabilità si sentano valorizzate.

Condividendo l’esperienza di lavoro sulla disabilità e i suoi problemi,  Benson Maina Thungururu della Chiesa anglicana del Kenya, diocesi di Kirinyaga , ha apprezzato il fatto che, dopo che EDAN ha introdotto il discorso della disabilità nelle istituzioni teologiche, la maggior parte dei sacerdoti della sua diocesi si sono rivolti all’Università Limuru di St Paul, dove hanno intrapreso gli studi sulla disabilità come uno dei moduli . La diocesi ha stabilito che tutte le chiese devono avere una rampa e almeno un ministro in parrocchia con conoscenza dell’interpretazione del linguaggio dei segni.

Canon Nason Baluku della Chiesa dell'Uganda ha notato come le chiese in Uganda fossero interessate a iniziare scuole per i bambini con disabilità, ma non avessero seguito la vita spirituale delle persone con disabilità dopo che avevano lasciato queste scuole.

I partecipanti  hanno convenuto che, anche se la chiesa ha adottato alcune misure per includere le persone con disabilità, l'inclusione è limitata ad alcuni aspetti della sua vita.

Hanno altresì preso in esame la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) e valutato come possano usarla per promuovere e proteggere i diritti delle persone stesse. Per meglio comprendere come l'inclusione della disabilità  si possa sviluppare a livello pratico, i leader di chiesa sono stati accompagnati a visitare uno dei progetti di sviluppo inclusivo che EDAN sta attuando in Africa orientale.

Per il futuro, i partecipanti hanno convenuto che la chiesa, per diventare una comunità veramente inclusiva, dovrebbe sviluppare strutture per accogliere le persone con disabilità; consentire alle persone con disabilità di prendere le proprie decisioni e coltivare i propri talenti e promuovere la comprensione e la collaborazione con le persone con disabilità nella società.

Ecumenical Disability Advocates Network