SEGRETARIATO
                 ATTIVITA'
           ECUMENICHE

saenazionale@gmail.com

                        
ASSOCIAZIONE INTERCONFESSIONALE DI LAICI PER L'ECUMENISMO E IL DIALOGO A PARTIRE DAL DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO                  

 

 

 


 

Vescova Helga Haugland Byfuglien

25 giugno 2016

La prima donna vescova presidente della Chiesa di Norvegia dice che ha dovuto imparare ad essere chiara sulla sua posizione sulle questioni controverse, come il matrimonio di coppie dello stesso sesso - che lei sostiene -mentre allo stesso tempo esprime rispetto per il punto di vista dei colleghi che gli si oppongono.

Questa sua capaità, chele ha guadagnato la fiducia dei suoi colleghi, è qualcosa che attribuisce alla sua esperienza come segretaria generale del YWCA / YMCA della Norvegia.

"Lavorando con i giovani, ho imparato ad abbracciare un sacco di opinioni diverse su temi come la sessualità e la vita familiare", dice Haugland Byfuglien. "Ho imparato ad esercitare la leadership e a lavorare con un team di colleghi, piuttosto che come individuo."

"Lavorando con i giovani, ho imparato ad abbracciare un sacco di opinioni diverse su temi come la sessualità e la vita familiare", dice Haugland Byfuglien. "Ho imparato sulla leadership, di lavorare con un team di colleghi, piuttosto che come un individuo."

Questa donna piccola, tranquilla ed energica, una delle prime donne ordinate nella Chiesa di Norvegia, percorre strade innovative ed è ora la prima donna a servire come Vescova Presidente del consiglio della Chiesa di dodici vescovi.

Il suo ruolo e la sua presenza hanno attiratorato l'interesse delle donne di chiesa provenienti da altre parti del mondo che partecipano alla riunione del Comitato centrale del Consiglio ecumenico delle Chiese attualmente in corso a Trondheim, Norvegia. Vogliono sapere chi è e perciò sto ora intervistando la leader di chiesa molto impegnata nel taxi che la sta portando all'aeroporto

La vescova sorride quando le chiedo di descrivere chi è, poi risponde con l'apertura e la chiarezza che le sono tipicche: "Sono una donna norvegese, cresciuta in una famiglia cristiana, sposata con tre figli e cinque nipoti. Sono una persona con i piedi per terra, molto consapevole di ciò che è importante nella mia vita. La famiglia e la chiesa sono i due pilastri della mia esistenza".

Quando chiedo alla vescova quali sono i suoi modelli femminili, risponde senza esitazione: "Mia madre è stata il mio primo ed importante modello di come una donna può avere successo. Rimase vedova a 38 anni ed ha cresciuto sei figli da sola. Era saggia e forte, una leader nella congregazione, ma non autoreferenziale. Questa è anche la mia linea".

Da giovane donna, Haugland Byfuglien ha notato come, in occasione di eventi giovanili,  i giovani uomini volevano salire sul palco, suonare la chitarra e essere affascinanti, mentre le giovani donne si assumevano la responsabilità dell'evento e lavoravano dietro le quinte lontano dai riflettori. Da adulta, in qualità di leader della chiesa, ha dovuto imparare l'importanza di prendere la parola e di acquisire un profilo pubblico. Nel suo ruolo di vescova che presiede la Chiesa di Norvegia, ora è molto sotto i riflettori e spesso è contattata dai media per parlare su questioni di pubblico interesse. Non è stato facile parlare di questioni che sono motivo di divisione nella Chiesa e nella società. In questi momenti e in quelli di sofferenza personale, la sua fede la sostiene

"La mia fede si basa sulla convinzione che non sono sola. Credo che il mio Dio conosca il mio dolore, la pena, il peccato e il fallimento, quando non sono come dovrei essere. Ma Dio non si allontana. Questo amore di Dio, che rimane con me è la sorgente dalla quale attingo la forza".

Haugland Byfuglien dice che è un dono che nella sua posizione sia invitata a partecipare a eventi ecumenici globali come l'assemblea del CEC a Busan, Corea del Sud, nel 2013. È anche vicepresidente per la regione nordica nella Federazione luterana mondiale.

"Si rafforza la mia fede quando incontro cristiani che vivono in contesti completamente diversi, canto nuovi inni, ascolto altre interpretazioni dei testi biblici e preghiere in uso in altre parti del mondo. Come ho detto nel mio saluto al Comitato centrale del CEC all'inizio di questa settimana, l'ecumenismo è una risposta alla 'preghiera di Gesù ‘perché tutti siano uno' ".

Il tassista - un afroamericano a giudicare dal suo accento - uno sguardo nello specchio retrovisore, sta evidentemente ascoltando. Più tardi mi dice, "È stata una conversazione molto interessante"!

Kristine Greenaway

Foto: Marcelo Schneider/WCC