13 gennaio  2017

La Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani 2017, anno della commemorazione dei 500 anni della Riforma, è stata preparata proprio dalle Chiese cristiane tedesche, attraverso la Comunità di lavoro delle Chiese cristiane in Germania (Arbeitsgemeinschaft Christlicher Kirchen, ACK), l’organismo ecumenico in cui sono rappresentate tutte le tradizioni cristiane.

 "Per i cristiani in Germania e in tutto il mondo, il tema: L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione (2 Corinzi 5: 14-20) può essere considerato sia una chiamata sia una opportunità per la riconciliazione", dice Odair Pedroso Mateus, direttore di Fede e Costituzione  del Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC) ", una occasione di rompere le storiche mura che separano le chiese e le congregazioni le une dalle altre, in tempi che richiedono la guarigione e il recupero di speranza".

Quest'anno uno dei tanti servizi di preghiera ecumenici che si svolgono in tutto il mondo per la Settimana di preghiera si terrà a Wittenberg (Germania), una città con una storia e un patrimonio identificato con Martin Lutero e la Riforma. Fu lì che Lutero si dice abbia inchiodato le sue 95 Tesi, che denunciavano la corruzione della chiesa, alla porta laterale della chiesa del castello, che esiste ancora non solo come un luogo di culto, ma come un memoriale della Riforma.

L'enfasi sul carattere ecumenico internazionale del patrimonio della Riforma - in occasione dell'anno 500° - è al centro della testimonianza di ACK al mondo attraverso la Settimana di preghiera di quest’anno. Il materiale preparato si concentra su due aspetti: riflessione sulle principali preoccupazioni delle chiese segnate dalla Riforma e riconoscimento del dolore delle successive divisioni profonde che hanno afflitto l'unità della chiesa di Martin Lutero.

Ogni anno, un diverso gruppo di lavoro nazionale prende l'iniziativa di proporre un tema e l'organizzazione della settimana, coordinato dal CEC e dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, che hanno preparato congiuntamente e pubblicato le risorse dal 1968.

Mateus ha osservato che "la necessità di una riconciliazione che abbatta le barriere, costruisca ponti e faccia la pace è stata la richiesta comune tra le diverse chiese tedesche che hanno preparato le preghiere di quest'anno, insieme con il riconoscimento del fatto che, in un mondo profondamente segnato dalle migrazioni e dalla sofferenza, l’immersione salvifica nella preghiera per l’unità può in Cristo  confortare la sofferenza, sconfiggere il terrore e la paura, e portare speranza per il futuro. "